Da visitare

Il Centro Storico

Nel corso della sua storia, Sassello ebbe modo di arricchirsi di architetture nobili (basta guardare ai Palazzi Gervino e Doria con il “Giardino della Anime pure”), ma anche di opere d’arte, per lo più custodite negli edifici sacri.
Nella “Guida della Montagna” (edita da Mondadori) vengono segnalati “la Parrocchiale della Santissima Trinità, con affreschi del Bruschetto e nell’Oratorio dei Disciplinati, un gruppo ligneo del Maragliano. Inoltre è pregevole la raccolta di ceramiche savonesi, di dipinti e di reperti archeologici, nel Museo Perrando”.
Un invito puntuale che troverà ampie conferme alla visita dei luoghi, dove regna una pace serena. Il bel colonnato che introduce alla Parrocchiale della Santissima Trinità (1654- 1725) ne è un pacifico esempio, così come S.Giovanni Battista (XI sec.) che conserva tele del Cinque e Seicento, armadi barocchi, sculture e una statua di Anton Maria Maraglìano.
Altre tappe meritano la Chiesa della Concezione (1584), la quattrocentesca Cappella di S.Antonio Abate (con tela del ‘600, di Giovanni Battista Carlone), la Chiesa di S.Rocco (1630; con opera di Domenico Piola), quella di S.Sebastiano (1637). Discorso a parte per il Museo Perrando. Inaugurato nel 1967 dall’Associazione “Amici del Sassello” è anche centro culturale per i Comuni della zona. Sette in totale le sale: la prima (dedicata allo studioso Mario Garmno) ospita reperti fossili, la seconda è dedicata a tutte le culture preistoriche, la terza al Medioevo (tra cui punte di freccia, fibule, ditali); le ultime quattro raccolgono i beni della famiglia Perrando con tanto di biblioteca, pinacoteca (tra cui Magnasco, Piola e Cambiaso), una collezione di ceramiche e alcuni mobili d’epoca.

Edifici Religiosi

Vai alla galleria fotografica
Vai alla pagina dedicata alla Parrocchia di San Giovanni Battista
Vai alla pagina dedicata alla Parrocchia della Santissima Trinità
Vai alla pagina dedicata alla Basilica della Immacolata Concezione